Palpebre pesanti

Le palpebre superiori cascanti o pesanti danno un aspetto più vecchio e più stanco di quanto in realtà una persona sia e questa caratteristica non migliora con l’utilizzo di creme o con un corretto tenore di vita. Questa rappresenta una condizione molto diffusa, sia nelle donne che negli uomini, tant’è che l’intervento più comune di correzione, chiamato blefaroplastica, è il quarto intervento più diffuso in chirurgia estetica.

La caduta delle palpebre può essere causata da diverse condizioni: ci può essere un indebolimento e allungamento del muscolo che permette l’apertura della palpebra, il muscolo elevatore, con conseguente abbassamento della palpebra stessa. Questa condizione chiamata ptosi, può essere causata dall’invecchiamento, può essere congenita o essere la conseguenza di lesioni agli occhi, danni ai nervi o ictus. Da non confondere con la ptosi, la dermatocalasi è la condizione in cui non è l’intera palpebra a scendere ma solamente una piega di pelle rilassata. Ciò si verifica in genere con l’età, poiché la pelle perde elasticità e diventa lassa creando una piega che si appoggia sulle ciglia. Nella maggior parte dei casi alla lassità cutanea si associa una discesa del sopracciglio, detta ptosi del sopracciglio, che interessa maggiormente la porzione laterale e più mobile del sopracciglio stesso. Essa si determina per uno svuotamento dei tessuti della fronte e del sopracciglio stesso e per uno squilibrio tra le forze muscolari che ne determinano la posizione. Ognuna di queste condizioni ha una soluzione chirurgica, dalla blefaroplastica al lifting del sopracciglio, ed in molti casi una soluzione non chirurgica, dalla tossina botulinica all’utilizzo dell’acido jaluronico.

Il dottor De Biasio come chirurgo plastico a Udine, esegue un apposito intervento per le palpebre pesanti, visita la sezione.

© Copyright - Fabrizio De Biasio 2021